Catalogo

Home > Catalogo > Schede > ENRICO SAPPIA
ENRICO SAPPIA

ISBN: 978-88-95921-08-2

Genere: historia

Informazioni:
Info@artemiaedizioni.it, eserpentini@libero.it

Maurice Mauviel, Elso Simone Serpentini
ENRICO SAPPIA
Cospiratore e agente segreto di Mazzini

Traduzione, introduzione e note a cura di Elso Simone Serpentini

Direttore editoriale: Teresa Orsini

Pagine: 548 Prezzo: € 25.00  Acquista

Descrizione:

Questa biografia di Enrico Sappia ricostruisce l'incredibile avventura del fondatore della rivista Nice Historique e dell'Académia Nissarda, affezionato fino alla sua morte (1906) a Nizza, che considerava la sua città, sebbene fosse nato a Toetto dell'Escarena nel 1833. Il giovane Sappia al-l'età di 15 anni e 3 mesi, lascia la famiglia,...

Leggi tutto...


L'autore:

MAURICE MAUVIEL è stato indotto dai suoi diversi soggiorni in Algeria a intraprendere studi di sociologia e di etnografia dell'Africa del Nord e a conseguire il diploma di studi superiori con uno studio sul pittore orientalista Eugène Fromentin. Interessato alla questione dell'adattamento degli individui e dei gruppi a società differenti, ha sostenuto a Parigi (Università René Descartes) la tesi L'idée de culture et de pluralisme culturel, aspects historiques, conceptuels et comparatifs (1983) e ha condotto studi relativi all'integrazione degli immigrati e alle difficoltà specifiche dei francesi nel confrontarsi con la diversità culturale. Questi interessi lo hanno condotto a dedicarsi per molti anni alla storia dell'etnologia degli Idéologues (Volney, Gunguené, Garat) nella prosecuzione dei lavori di Sergio Moravia. Dal 1995 ha proseguito le sue ricerche sulla “letteratura e la storia di lingua italiana” dell'antica Contea di Nizza (dimenticata tanto in Francia che in Italia). Nel 2006 ha pubblicato un libro dedicato al giornalista torinese Giuseppe Beghelli (Un Garibaldien niçois fils du Printemps des Peuples: Giuseppe Beghelli) e nel 2007 un primo studio biografico in lingua francese su Enrico Sappia (L'incroyable odyssée d'Henri Sappia, Conspirateur niçois et agent secret sous le Second Empire). Attualmente, sempre proseguendo la redazione dei suoi Noeuds de Mémoires Algériens, sta preparando un lavoro intitolato Giuseppe Garibaldi tra Nizza e Caprera e, per l'Università di Torino, Aubin-Louis Millin, érudit, historien et Observateur de l'Homme au Piémont, à Gênes et Nice sous le Premier Empire

ELSO SIMONE SERPENTINI da un iniziale interesse per la filosofia greca è passato ad occuparsi di fenomenologia e di sociologia, sostenendo nel 1966 (Università di Roma) la tesi Storicismo, marxismo e sociologia della conoscenza nei primi saggi tedeschi di Karl Mannheim. Successivamente si è dedicato, oltre che all'insegnamento della storia e della filosofia, ad una intensa produzione pubblicistica, collaborando a periodici e a testate radiotelevisive, per le quali ha allestito inchieste storiche e trasmissioni di argomento letterario e filosofico. Dopo aver pubblicato Storia del calcio teramano (1982) e Consigliere si calmi (1990), in cui ha proposto uno studio del linguaggio politico usato nelle assemblee pubbliche elettive, ha dato vita alla collana Processi celebri teramani, (nella quale sono stati finora pubblicati diciassette volumi) in cui ricostruisce crimini e relative vicende processuali, con uno stile narrativo che, ispirandosi ad una scrittura post moderna, unisce il rigore documentaristico alle tecniche descrittive della letteratura gialla classica. Ha dato anche vita alla collana Briganti d'Abruzzo, (nella quale sono apparsi finora due volumi sul brigantaggio medievale e rinascimentale). Nel 2008 ha pubblicato la prima traduzione in italiano moderno del capolavoro della letteratura spagnola barocca Il Criticone di Baltasar Gracián (1651/57). Attualmente sta preparando La città della memoria, che raccoglierà numerosi suoi scritti di rievocazione di vita cittadina, e la pubblicazione degli Scritti abruzzesi di Enrico Sappia.