Catalogo

Home > Catalogo > Schede > ALL'ORIENTE DI TERAMO
ALL'ORIENTE DI TERAMO

ISBN: 978-88-95921-29-7

Genere: historia

Informazioni:

Elso Simone Serpentini
ALL'ORIENTE DI TERAMO
La Massoneria teramana tra storia e cronaca

Direttore editoriale: Teresa Orsini

Pagine: 385 Prezzo: € 25.00  Acquista

Descrizione:

Le domande che ci possiamo e ci dobbiamo porre, riguardo allamassoneria teramana, sono le stesse che si pone Ferruccio Pinotti riguardoalla massoneria nazionale nel suo volume Fratelli d'Italia. Qualè la consistenza di questo gruppo di potere a Teramo? Quanti sono veramentei massoni teramani? Quali posizioni di vertice occupano nellasocietà, nella politica,...

Leggi tutto...


L'autore:

ELSO SIMONE SERPENTINI da un iniziale interesse per la filosofia greca è passato ad occuparsi di fenomenologia e di sociologia, sostenendo nel 1966 (Università di Roma) la tesi Storicismo, marxismo e sociologia della conoscenza nei primi saggi tedeschi di Karl Mannheim. Successivamente si è dedicato, oltre che all'insegnamento della storia e della filosofia, ad una intensa produzione pubblicistica, collaborando a periodici e a testate radiotelevisive, per le quali ha allestito inchieste storiche e trasmissioni di argomento letterario e filosofico. Dopo aver pubblicato Storia del calcio teramano (1982) e Consigliere si calmi (1990), in cui ha proposto uno studio del linguaggio politico usato nelle assemblee pubbliche elettive, ha dato vita alla collana Processi celebri teramani, (nella quale sono stati finora pubblicati diciassette volumi) in cui ricostruisce crimini e relative vicende processuali, con uno stile narrativo che, ispirandosi ad una scrittura post moderna, unisce il rigore documentaristico alle tecniche descrittive della letteratura gialla classica. Ha dato anche vita alla collana Briganti d'Abruzzo, (nella quale sono apparsi finora due volumi sul brigantaggio medievale e rinascimentale). Nel 2008 ha pubblicato la prima traduzione in italiano moderno del capolavoro della letteratura spagnola barocca Il Criticone di Baltasar Gracián (1651/57).