Artemia Nova Editrice
L’ECCIDIO DI VILLA RIPA
L’ECCIDIO DI VILLA RIPA

L’ECCIDIO DI VILLA RIPA

I Processi Pietrinferni e Questionati

La Corte! Processi celebri teramani n. 36

Autore: Elso Simone Serpentini

Genere: Collana: Teramo in giallo

€ 18,00

Descrizione:

Nel pomeriggio di domenica 26 agosto 1900,

Giovanni Barbuti e Luigi Marconetti,

di ritorno dalla fiera di Santa Maria di Ponte a Porto,

diretti verso casa, arrivarono a Villa Ripa

dopo essersi già imbattuti per via con Nicola Focosi

e Serafino Pietrinferni, un incontro non piacevole

per un'antica rivalità tra i giovani “riparoli”

e quelli di Piano Grande di Torricella.

Arrivati che furono a Villa Ripa, un nuovo

incontro provocò una rissa dall'esito fatale.

 

La sera inoltrata di giovedì 1° novembre 1900

Luigi Angelini venne ferito da alcuni colpi di pistola

esplosi contro di lui davanti alla Chiesetta di San Giuseppe a Frondarola. Gli parve di riconoscere il feritore: Gaspare Bagnoli, con il quale era da tempo in cattivi rapporti per essersi reciprocamente fatti olmo in una passatella. Era stato davvero lui?

 

La mattina di domenica 15 giugno 1879

Giuseppe Calisti denunciò al Pretore di Montorio

che suo fratello Antonio era stato ucciso nel corso

della notte nel bosco di Faieto, da dove

andavano e venivano i mulattieri di Valle San Giovanni.

Info

Codice ISBN: 9788897877922

Pagine: 216

Informazioni: FORMATO 13X19 cm

Status:

Anno di pubblicazione: 2019

  • Elso Simone Serpentini

    ELSO SIMONE SERPENTINI da un iniziale interesse per la filosofia greca è passato ad occuparsi di fenomenologia e di sociologia, sostenendo nel 1966 (Università di Roma) la tesi Storicismo, mar-xismo e sociologia della conoscenza nei primi saggi tedeschi di Karl Mannheim. Successivamente, si è dedicato, oltre che all'insegnamento nei licei della storia e della filosofia, ad un'intensa produzione pubblicistica, collaborando a periodici e a testate radiotelevisive, per le quali ha allestito inchieste storiche e trasmissioni di argomento letterario e filosofico. Dopo aver pubblicato Storia del calcio teramano 1913-1982 (1982) e Consigliere si calmi (1990), in cui proponeva uno studio del linguaggio politico usato nelle assemblee pubbliche elettive, nel 2001 ha dato vita alla collana Processi celebri teramani (nella quale sono stati finora pubblicati trentuno volumi), in cui ricostruisce crimini e relative vicende processuali con uno stile narrativo che, ispirandosi ad una scrittura postmoderna, unisce il rigore documentaristico alle tecniche descrittive della letteratura gialla classica. Nel 2004 ha dato vita alla collana Briganti d'Abruzzo (sono apparsi finora cinque volumi sul brigantaggio medievale e rinascimentale). Nel 2008 ha pubblicato la prima traduzione in italiano moderno del capolavoro della letteratura spagnola barocca Il Criticone, di Baltasar Gracián (1651/57). Nel 2009, insieme con lo studioso francese Maurice Mauviel, ha pubblicato Enrico Sappia, Cospiratore e agente segreto di Mazzini, una biografia assai documentata di un protagonista e testimone dei principali fatti storici europei dalla fondazione della Repubblica Romana ai primi anni del Novecento, curando nel 2016 i suoi Scritti abruzzesi, una serie di articoli pubblicati dal 1879 al 1886 con lo pseudonimo Enrico Sappia De Simone. Nel 2010 ha pubblicato Storia del calcio teramano 1983-2008, aggiornando il suo studio del 1982, e nel 2011 ha curato l'edizione critica dell'opera omnia del poeta dialettale teramano Alfonso Sardella (1937-2010), Tutte li puesìje (L'ùddeme landò vache artruvènne). Nel 2013 ha pubblicato All'Oriente di Teramo. La massoneria teramana tra storia e cronaca, di cui nel 2015 è uscita la seconda edizione aggiornata e accresciuta. Ha dedicato quattro volumi alla storia degli spettacoli cinematografici e teatrali a Teramo: nel 2015 Solo il piccone, Come fu abbattuto il Teatro Comunale di Teramo e Teramo e il cinematografo, nel 2016 Teramo e il teatro lirico e nel 2017 Teramo e il teatro di prosa. Sempre nel 2017 ha pubblicato Ritorno a Spinoza, una quasi biografia filosofica che può essere anche considerata un pamphlet polemico. Sta preparando la traduzione in italiano di un libro scritto da Enrico Sappia in francese nel 1869, con lo pseudonimo Ermenegildo Simoni, Histoire des conspirations mazziniennes. È in procinto di pubblicare anche La nature de li cose (La felusufìje ‘ndialette terramana), una raccolta di poesie in vernacolo.

    Vedi tutti i libri pubblicati

Acquista subito

L’ECCIDIO DI VILLA RIPA

Per acquistare il libro "L’ECCIDIO DI VILLA RIPA" di Elso Simone Serpentini al prezzo di € 18,00 compila il seguente modulo.

MODALITA' DI PAGAMENTO: Bonifico bancario anticipato con spese di spedizione in omaggio

Informativa sulla privacy ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03 » Clicca qui per leggere


Vuole iscriversi alla nostra newsletter?